Ultrasuoni in Medicina e Biologia: Coordinamento di gruppi attivi in Italia

 

Questa iniziativa nasce nel 2010 ad opera di alcuni gruppi di ricerca dell'area romana con l'obiettivo di stabilire un coordinamento, da estendere il più possibile a livello nazionale, tra gruppi e istituzioni di ricerca che si occupano di acustica, e in particolare di ultrasuoni, nelle applicazioni in medicina e biologia. L'idea di fondo è che gruppi anche eterogenei tra loro, accomunati dall'interesse per l'utilizzo di tecniche acustiche in questi settori applicativi, possano trarre vantaggio dal confronto di differenti approcci metodologici nel trovare nuove soluzioni ai quesiti posti dall'avanzamento della ricerca medica e della tecnologia al suo servizio.

I partecipanti all'incontro sono fisici, medici, biologi, ingegneri, e appartengono ad istituzioni pubbliche di ricerca o universitarie, che in diversi casi hanno già attivato delle collaborazioni tra loro in progetti o linee coordinate di ricerca. In tutti i casi si tratta di gruppi che svolgono attività di ricerca di base, essendo questo lo scopo delle istituzioni di appartenenza. L'assenza di partner che svolgono ricerca industriale, almeno in questa fase iniziale, offre la possibilità che questa iniziativa muova i suoi primi passi priva di condizionamento o di pressione di carattere commerciale. L'indipendenza dal mondo produttivo favorisce inoltre l'obiettività nel delineare possibili future linee guida o normative che regolamentino la diffusione della pratica medica, fattore determinante viste le implicazioni che riguardano la salute pubblica e la sicurezza. Tuttavia nelle fasi successive la collaborazione con il settore industriale acquisterà una importanza primaria ed una valenza sociale per l’applicazione dei risultati scientifici ottenuti ad un contesto produttivo e di uso di nuove tecnologie in rapida espansione.

Il primo incontro si è tenuto presso il Dipartimento di Fisica dell'Università "La Sapienza" di Roma giovedì 25 novembre 2010. E' disponibile l'Agenda della riunione con i nominativi degli invitati e le tematiche dei Gruppi di Ricerca.

Gli scopi che questo primo incontro si prefigge sono principalmente:

  • presentare le competenze ed i risultati ottenuti dai vari gruppi;
  • stabilire nuovi legami tra gruppi che svolgono attività affini in diverse regioni;
  • individuare nuove forme di collaborazione tra gruppi anche eterogenei che potrebbero beneficiare della complementarità delle loro competenze.

 

Sono disponibili di seguito per ciascun gruppo le presentazioni fatte durante l'incontro e l'eventuale materiale informativo aggiuntivo fornito dai partecipanti.

 

  1. Congiu Castellanoa, L. Di Giambattistaa, P. Grimaldi, Dip. Fisica Univ. di Roma 'Sapienza' (a: associati CNR-IDASC) - D. Pozzi, Dip. Medicina sperimentale, Univ. di Roma 'Sapienza' - A. Bedini, C. Giliberti, R. Palomba, INAIL (Ex Ispesl), Roma

Studio degli effetti indotti da ultrasuoni "terapeutici" (1-3 MHz) su linee cellulari tumorali e sane, mediante tecniche spettroscopiche e microscopiche anche in presenza di agenti di contrasto.

Presentazione

 

 

  1. Fattibene, D. Viscomi, Istituto Superiore di Sanità, Roma

Reparto di Dosimetria delle Radiazioni e Difetti Radioindotti: utilizzo della spettrometria EPR in tematiche di interesse biomedico. Tale tecnica è stata impiegata per la determinazione dei radicali liberi prodotti dagli ultrasuoni.

  1. Polichetti, G. Mariutti, R. Pozzi, Istituto Superiore di Sanità, Roma

Reparto di Radiazioni Non Ionizzanti: effetti biologici degli ultrasuoni e conseguenti rischi per la salute umana. Il reparto si occupa in particolare dei possibili rischi sanitari connessi all'utilizzo degli ultrasuoni nei trattamenti estetici.

Presentazione 

Materiale aggiuntivo

 

  1. Durando, C. Musacchio, A. Troja, C. Guglielmone, D. Madonna Ripa, R. Spagnolo, Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica,Torino

Misura con bilancia a forza di radiazione della potenza acustica di trasduttori per diagnostica e terapia medica a ultrasuoni. Caratterizzazione spaziale-temporale del campo di ultrasuoni generato da un trasduttore. Studio dei nuovi problemi metrologici posti dai trasduttori HIFU.

Presentazione

 

 

  1. Spagnolo, C. Musacchio, A. Troja, Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica,Torino

Produzione e caratterizzazione di micro- e nano-bolle per lo studio di processi di "ultrasound drug delivery".

Presentazione


 

  1. Spagnolo, Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, Torino - C. Guiot, Università di Torino

Messa a punto e sperimentazione di protocolli di prova per la verifica delle prestazioni di apparecchiature ecografiche.

Presentazione


 

  1. Russo, G. Borasi, Fondazione Istituto San Raffaele G. Giglio, Polo Oncologico, Cefalù

Applicazioni Cliniche e Problematiche Tecnologiche degli Ultrasuoni Focalizzati sotto guida di Risonanza Magnetica – MrgFUS.

Presentazione 

Attività

HIFU

Ultrasuoni parte 1

Ultrasuoni parte 2

Ultrasuoni parte 3

Ultrasuoni parte 4

 

  1. De Spirito, Istituto di Fisica, Facoltà di Medicina, Università Cattolica, Roma

Tecniche di microscopia confocale per lo studio degli effetti indotti da ultrasuoni su linee cellulari.

Presentazione


 

  1. Rafanelli, P. Calicchia, S. Iarossi, G. Guidarelli, S. Buogo, CNR-Istituto di Acustica e Sensoristica "O. M. Corbino", Roma

Misure e prove su apparecchiature ad ultrasuoni per applicazioni nei trattamenti estetici. Taratura di idrofoni di misura nella gamma di frequenze da 5 kHz a 5 MHz.

Attività

 

  1. P. Orlando, Università di Roma 'Sapienza', associata CNR-IDASC

Psicoacustica, studio della percezione di suoni complessi, screening uditivo neonatale mediante emissioni otoacustiche.

Presentazione

 

 

  1. Sisto, INAIL (ex Ispesl), associata CNR-IDASC

Utilizzo di emissioni otoacustiche come tecniche di imaging della funzionalità cocleare allo scopo di definire test diagnostici oggettivi e precoci in particolare in presenza di esposizione ad agenti ototossici. Modellistica cocleare tramite tecniche di simulazione agli elementi finiti ed approcci semi analitici alle equazioni della micromeccanica cocleare.

  1. Moleti, Università di Roma 2 Tor Vergata

Tecniche avanzate di acquisizione ed analisi di emissioni otoacustiche, ottimizzate per l’indagine fisiologica e la diagnostica clinica utilizzando modelli matematici della meccanica cocleare.

Presentazione

 

  1. Colosimo, Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia, Università di Roma 'Sapienza'

Emissioni otoacustiche ed ultrasuoni

Presentazione

 

  1. Zimatore, D. Troiani, A. R. Fetoni, Facoltà di Medicina, Università Cattolica, Roma

Tecnica dell’analisi delle ricorrenze per lo studio di segnali non stazionari.

Presentazione

FaLang translation system by Faboba